Il disco SSD in sostituzione del tradizionale HDD

le differenze sono visibili, in uno abbiamo testina e piatto, nell'altro solo chip

le differenze sono visibili, in uno abbiamo testina e piatto, nell’altro solo chip

SSD sta per Solid State Drive (unità a stato solido). E’ un nuovo tipo di disco rigido che non ha più parti meccaniche in movimento come il disco tradizionale, infatti il vecchio piatto che girava a 5400rpm o 7200rpm è stato sostituito da una serie di chip. E’ simile alle memorie SD, per intenderci, e trae da questo enormi vantaggi:

  • maggiore velocità, si stima che un SSD odierno sia fino a 10 volte più veloce di un disco rigido tradizionale, con tempi di accesso ridottissimi
  • nessuna rumorosità, non ci sono motorini, testine, dischi in rotazione ma solo chip
  • minori rischi di rottura, non essendoci più parti elettro-meccaniche in movimento
  • minore produzione di calore
  • minore consumo energetico
  • dimensioni ridotte, i dischi SSD sono da 2,5″ e si possono montare anche nei portatili
  • non è più necessaria la deframmentazione dato che la disposizione dei file su disco non influisce più nelle prestazioni

Il prezzo è superiore rispetto ai dischi tradizionali ma, nell’ultimo anno, sono scesi vistosamente ed oggi sono alla portata di tutte le tasche